Homepage > Novità > Industria della cristalleria >

Oggettistica per la casa: un budget limitato non deve trattenerti

Certificati Aziendali
    Oggettistica per la casa: un budget limitato non deve trattenerti
    Data Emissione:2018-01-03
    Oggettistica per la casa : un budget limitato non deve trattenerti
    Assegnato con l'arredamento di un attico della fine del XIX secolo nel centro storico di Budapest, una città che non avevo mai visitato, ha presentato una serie di sfide uniche. Non ultimo il fatto che dovevo raggiungere la mia missione di acquisto in soli 10 giorni, in due viaggi separati in Ungheria, nel corso di un mese.
    L'appartamento era ancora un cantiere, ma vicino alla fine di una ristrutturazione di sei mesi, quando ho visitato per la prima volta alla fine di novembre, e anche allora le sue grandi proporzioni erano già evidenti. Tra le caratteristiche di spicco, i soffitti alti quattro metri, i nuovi pavimenti in parquet e le piastrelle a mano realizzate localmente, le doppie porte alte con finiture in ottone originali che separano le camere da letto dal corridoio e un magnifico lampadario di cristallo.
    Sin dalla sua costruzione, l'edificio ha reso testimonianza dell'evoluzione dell'arte liberty, dello sviluppo dell'art deco, delle grandi serate, di due guerre mondiali, dell'occupazione nazista, del dominio comunista e della conseguente fine della guerra fredda nei primi anni '90. Quando il suo nuovo proprietario, che è irlandese e residente a lungo termine a Dubai, ha acquistato la proprietà di quattro camere all'inizio di quest'anno per circa € 160.000 (Dh 693.000), è stato necessario un ampio rinnovamento per renderlo abitabile secondo il 21 standard del secolo.

    La sua motivazione ad acquistare l'appartamento derivava da una serie di piacevoli vacanze invernali in città, e ha identificato l'opportunità di lasciare la proprietà come un investimento di lusso di Airbnb, oltre a fungere da base occasionale a metà dell'Europa per uso personale. La struttura si trova a pochi passi da molte delle gallerie, musei e teatri della città.

    Il risultato del progetto è stato quello di creare qualcosa che fosse contemporaneo, confortevole e resistente, ma anche reso omaggio all'eredità dell'edificio e comunicato l'essenza della sua posizione. Dopo aver visto come avevo arredato il mio appartamento di Dubai con reperti vintage e di seconda mano, il proprietario, che è un amico, ha richiesto il mio aiuto, poiché pensava che avessimo un ethos simile per stile e design, per non parlare di un approccio attento al budget . Sapeva che "non aveva bisogno di spendere un sacco di soldi perché fosse fantastico", ha detto. Aveva ragione, dal momento che l'edificio stesso avrebbe in gran parte aperto la strada.

    La nostra strategia consisteva nell'utilizzare i quattro grandi negozi Ikea della città per articoli di ancoraggio, come letti, armadi e divani, senza creare un look Ikea identificativo e riconoscibile, per poi fonderli con pezzi trovati nei mercatini delle pulci, nei negozi di beneficenza e nei negozi vintage . Come abbiamo appreso, Google è l'amico che ha bisogno di scovare tali luoghi, e la contrattazione è un'abilità chiave in qualsiasi impresa del genere.


    Ogni volta che viaggiava, mio ​​padre usava piccole carte (era nell'era pre-digitale) per scrivere liste di valori in valuta estera in multipli di 10 contro la nostra valuta nazionale. Dato che l'inglese non è ampiamente parlato a Budapest al di fuori del settore dell'ospitalità, questo piccolo trucco si è dimostrato inestimabile nelle trattative ed è stato più veloce di accendere il mio telefono ogni volta. Indicherebbero, indicherei, me ne andrei, loro (potrebbero) seguire, io (potrei) tornare indietro ... e un prezzo reciprocamente accettabile potrebbe eventualmente essere risolto. Nel processo, ho scoperto che se mettevo il pollice sopra le figure più grandi, l'eccesso è stato scoraggiato.

    Ho trascorso un giorno e mezzo con "il cliente" a Budapest per garantire che il mio pensiero progettuale riflettesse la sua visione. Il nostro primo approdo era Artkraft, un magazzino di mobili usati e riciclati in una vecchia area industriale. Qui, abbiamo trovato una grande finestra in metallo recuperato con vetro a specchio, insieme a un tavolo in acciaio grezzo. Entrambi erano elementi di ispirazione industriale che avrebbero iniziato a dare allo spazio del patrimonio un tocco più moderno. Come un plus, dal momento che lo specchio sarebbe appeso tra le finestre nel soggiorno, rifletterebbe la forma sorprendente del lampadario, che è stato acquistato dai precedenti proprietari ed era stato originariamente installato dalla nonna.

    Successivamente, siamo andati alla periferia della città, al più grande mercato delle pulci di Budapest, Ecseri Piac, dove è possibile trovare di tutto, dai mobili antichi e le reliquie dell'era sovietica a oggetti da collezione kitsch e curiosità. In due negozi, abbiamo acquistato tre lampade impero in bronzo, per il corridoio e le camere matrimoniali, oltre a due lampade a sospensione in vetro vintage, tutte per meno di Dh3,500 - una frazione di quello che i negozi di antiquariato della città avrebbero chiesto. Chiaramente, è impossibile essere troppo prescrittivi quando si è in modalità acquisizione. Si tratta di dar da mangiare a pezzi che hanno il potenziale di fondersi in un mood board nozionale e di sovrapporlo a quello. Le fotografie sono fondamentali per tenere traccia, poiché nessuno dei pezzi sarebbe in situ fino a molto tempo dopo.

    Ho optato per le cornici per guardaroba bianche aperte di Ikea - più esteticamente gradevoli del look del laminato Formica economico e autoassemblante - e ho acquistato anche un nuovo divano letto e una moderna chaise longue in grigio grafite dello stesso negozio. Nel soggiorno sono state aggiunte delle vivaci tonalità di accento con due sedie art deco acquistate da Ecseri per appena Dh65 ciascuna. Le sedie erano solide, ma l'imbottitura richiedeva attenzione. I colori supplementari erano una selezione fortuita, fatta da un campionario altrimenti del tutto blando e datato al laboratorio (erano, infatti, gli unici tessuti tenuti in magazzino che non evocavano lo stile del salotto di una nonna degli anni '80).

    I cuscini sono stati portati da Khaadi online in Pakistan (le filiali degli Emirati Arabi non sono attualmente in stock per la casa), poiché la sua attuale gamma riflette per coincidenza la palette di arance bruciate, senape e grafite già evidente negli arredi morbidi dell'appartamento. Le forniture di tappeti locali erano poco interessanti, ma il fornitore di mobili online di Abu Dhabi, Ebarza, aveva un tappeto vintage rinnovato in un morbido grigio oliva, che sarebbe pratico e resistente. Sfortunatamente, la compagnia non consegna in Ungheria. Per quanto riguarda la statistica, i tappeti di marca da 2,5 m per 1,5 m hanno un peso di 11 chilogrammi e si inseriscono in una grande valigia, rendendoli esenti dai dazi doganali locali, pagabili se diversamente inviati tramite corriere. Questo lascia ancora spazio per un generoso 19 kg di guardaroba invernale quando si vola direttamente da Dubai con Emirates.

    Mobili quasi fatti, la prossima sfida era quella di trovare gli oggetti che fanno di una casa una casa - opere d'arte e accenti. L'Ungheria è conosciuta per i suoi vetri pregiati e i cristalli colorati, e ha anche una forte tradizione culturale di ricami fatti a mano su cuscini, tovaglie e tovaglioli. Meglio di tutto, pezzi vintage possono essere raccolti per Dh20 a Dh50.
    Uno dei miei negozi preferiti di Budapest era un negozio di beneficenza chiamato Csarnok Bizi, situato a Budapest IX, Csarnok tér 5, dove i contenuti disgustosi dei grandi espositori ungheresi vengono a cercare nuove case. Porcellana, ricamo, ceramica, vetro, lampade e quadri sono stati tutti acquistati qui da meravigliose signore ungheresi, che non hanno lasciato che la mancanza di una lingua comune interferisse con le vendite multiple.

    Tuttavia, mostrare questi pezzi come avevano fatto i loro creatori originali non avrebbe fornito il margine moderno che stavamo cercando. Invece, le copertine dei cuscini sono diventate opere d'arte con l'aggiunta di nuove cornici da Ikea, i vetri colorati sono stati esposti in gruppi diversificati a tema con l'aggiunta di luci da tè, e la forte ceramica fatta a mano ha fornito accenti scultorei di colore contrastante sugli scaffali dei radiatori. Tutti assolutamente unici e tutti a basso costo, questi erano un'alternativa creativa agli accenti prodotti in serie presenti nei negozi di articoli per la casa.

    Ci sono più di 40 foto appese nell'appartamento, e quasi tutte sono state assemblate, ricomposte o appena create in qualche modo. In una certa misura, tutti raccontano una storia, educano un po 'e interpretano la cultura e il patrimonio della città in un modo nuovo.

    Un vecchio libro di poesie, le opere tradotte in ungherese dei grandi poeti e scrittori europei, insieme a piatti in seppia di opere d'arte classiche appese nei musei e nelle gallerie di Budapest, è stato raccolto al mercato per meno di Dh30, e rotto e montato in un varietà di frame Ikea raggruppati. Questi erano a tema di blocco in oro, nero, argento e bianco, in una varietà di dimensioni.

    Inoltre, conferiscono a ognuna delle camere un'identità fittizia: cornici dorate e immagini classiche per un grande salone ottocentesco; grigio argento per la prima metà del XX secolo; metà del 20 ° secolo con cartoline e opere d'arte in bianco e nero; e arti e mestieri popolari locali rielaborati per un look accogliente, ma spigoloso, del XXI secolo.